Storia dell’acqua nella religione: fra ambiente e spiritualità

Tutte le religioni hanno dato da sempre un ruolo centrale alla sacralità dell’acqua.

In essa si ritiene si manifestino, in modo simbolico, i segni del divino: da essa nascono le tutte le forme e a essa tornano; simbolo cosmogonico per eccellenza, assume in tutte le culture, una pluralità di significati spirituali. Continue reading “Storia dell’acqua nella religione: fra ambiente e spiritualità” »

Capitali dell’acqua potabile in Emilia Romagna

Risultati eccellenti per l’acqua in Emilia Romagna, tutti gli indicatori e i riferimenti sono positivi raccontando lo stato della gestione idrica nell’area emiliana, sempre più efficiente e sostenibile.

I numeri parlano chiaro e non sono lasciati a interpretazione, il report annuale della società dell’acqua dimostra che quella di rubinetto è buona da bere e sicura, nel 2015 dopo 736.442 analisi di qualità, il 99,9% di queste hanno indicato il pieno rispetto dei parametri di legge. Continue reading “Capitali dell’acqua potabile in Emilia Romagna” »

Autunno: scopriamo i suoi sapori

Siamo nella stagione dei paradossi! L’ Autunno: da una parte le giornate si accorciano e iniziano i primi accenni di freddo, dall’altra parte assistiamo è un’esplosione di colori caldi e vivaci.

In questo periodo frutta e verdura ricordano i colori estivi ed esprimono al meglio, nei succhi e nettari, il calore immagazzinato tramite un arcobaleno di colori e tinte sgargianti. Continue reading “Autunno: scopriamo i suoi sapori” »

Città senza bottiglie

Nella vita ci sono poche certezze assolute, ma sicuramente una di queste è che l’acqua fa bene ed è l’unico alimento di cui non si può assolutamente fare a meno, tuttavia il dubbio che molti si pongono è: quale acqua bere? E spesso questa domanda resta senza risposta, conviene affidarsi a una soluzione domestica o meglio l’acqua in bottiglia? Una risposta definitiva non esiste. La qualità dell’acqua erogata dagli acquedotti varia sensibilmente da zona a zona, ultimamente poi sono apparse le “case dell’acqua” ampliando così la scelta ulteriormente, di certo un grosso svantaggio dell’acqua minerale è lo stoccaggio che porta a fare di bottiglie di plastica e il conseguente problema ambientale che ne comporta. Continue reading “Città senza bottiglie” »

Azienda agricola, obbiettivo dei giovani imprenditori

Contro ogni pronostico e tendenza l’agricoltura in italia sta mostrando un repentino e radicale cambio di tendenza, si è innestato da qualche tempo un trend di ripresa nella nascita di nuove aziende agricole fondate da giovani, questo ha portato a un forte stimolo all’innovazione nel settore e soprattutto a un restyling dell’immagine di un settore come quello agricolo caratterizzato da arretratezza, obsolescenza e con pochissime prospettive, per diventare, invece, una nuova opportunità di crescita, sviluppo e occupazione. Continue reading “Azienda agricola, obbiettivo dei giovani imprenditori” »

Dieta: frutta e verdura contro il caldo estivo

Ormai da qualche tempo le condizioni climatiche e il trascorrere delle stagioni non sono più lineari e cadenzate come un tempo, siamo sempre più esposti a temperature estreme alte e basse in modo imprevedibile e senza un adeguato acclimatamento spesso il nostro fisico va in difficoltà.

Poiché siamo nel periodo estivo e il caldo ci assale, in quest’articolo parleremo di come difenderci dalle temperature tropicali di questi giorni e dalle notti insonni passate a rigirarsi nel letto causa “sudate estreme”.

Fortunatamente se la natura ci mette in difficoltà, sempre la natura ci fornisce gli strumenti utili a gestire questi periodi, sicuramente e come ovvio bevendo molta acqua, almeno due litri al giorno, per compensare i liquidi persi con la sudorazione e l’eventuale conseguente abbassamento della pressione. Continue reading “Dieta: frutta e verdura contro il caldo estivo” »

EUROJERSEY e COLOR COLORIS partecipano alla seconda edizione del convegno “Dialogare con il Colore”

Triennale di Milano, 30 ottobre 2014

 

EUROJERSEY, con i tessuti Sensitive® Fabrics, è fra i protagonisti della seconda edizione del Convegno “Dialogare con il Colore” che si terrà il 30 ottobre 2014 presso la Triennale di Milano.

Durante il convegno, intitolato “Il potere del Colore”, verranno enfatizzate le potenzialità cromatiche del colore ROSSO ed i risvolti emozionali che questo colore ha nel quotidiano, influenzando comportamenti e azioni. Un incontro tra designer, artisti stilisti, esperti del settore per uno scambio di esperienze, visioni, case history sul tema del colore.

In questo contesto si inseriscono i tessuti Sensitive® Fabrics di EUROJERSEY, che portano la firma inconfondibile dell’inventiva e del gusto italiano. Unica azienda verticalizzata nel settore indemagliabile ad avere al proprio interno un Reparto Stamperia, EUROJERSEY affronterà il tema del COLORE SOSTENIBILE attraverso la presentazione della stampa ECO-PRINT, l’innovativa tecnologia di stampa che presenta notevoli vantaggi sul piano estetico e soprattutto ambientale. Una soluzione di stampa ecocompatibile che riproduce effetti tono su tono o a contrasto utilizzando un pigmento colorato che crea il disegno direttamente sul tessuto, offrendo un’ottima definizione di stampa del disegno, una mano più morbida rispetto alle stampe tradizionali e un’alta solidità allo sfregamento e al lavaggio.

Rilevanti sono anche i vantaggi offerti dalla stampa ECO-PRINT nei confronti dell’ambiente tra i quali la riduzione del consumo di acqua (- 54%), di energia (- 19%) e delle emissioni (gas ad effetto serra – 47%; metano -57%) rispetto alla stampa tradizionale

Ideale  per riprodurre micro fantasie e disegni geometrici anche di minime dimensioni, ECO PRINT è la migliore soluzione per una produzione tessile eco consapevole nel pieno rispetto dell’ambiente.

Ortaggi, prodotti organici a km 0

L’inverno non stimola particolarmente ad assumere come consigliato dall’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA 400 grammi di verdura al giorno o forse siamo noi che spesso non sappiamo valorizzare adeguatamente questa miniera di buone caratteristiche nutrizionali, eppure cucinare in inverno le verdure non è poi difficile come sembra, anzi, un buon minestrone che riscalda, del cavolfiore gratinato per i più restii nel consumo di questo tipo di cucina, oltretutto anche avendo poco tempo praticamente tutte le verdure possono essere cotte al vapore quindi con poco dispendio di tempo e preservando al tempo stesso tutti i minerali e le vitamine così importanti per il nostro fisico. Continue reading “Ortaggi, prodotti organici a km 0” »

Come si ricaricano i veicoli elettrici

Oggi si parla sempre più di veicoli elettrici (come quelli della nota società Alke) e se ne sponsorizza continuamente l’utilizzo al fine di sensibilizzare i cittadini ad una maggiore tutela dell’ambiente in cui vivono.

E’ ben noto, purtroppo, quanto siano diventati allarmanti negli ultimi anni i livelli di inquinamento raggiunti nelle città e dovuti ai continui gas nocivi emessi dai veicoli alimentati da combustibili interni (benzina e diesel), che stanno letteralmente mettendo a rischio la salute dell’uomo.

I veicoli elettrici, invece, essendo alimentati da energia elettrica rappresentano una valida alternativa ed una possibile soluzione a tale delicato problema, perché non essendo alimentati da un motore termico, evitano di rilasciare nell’aria sostanze pericolose.

Ma come fa a muoversi un veicolo elettrico? attraverso un motore che riceve impulso da particolari batterie a litio, le quali necessitano, naturalmente, di essere ricaricate proprio come un comune cellulare.

Nella maggior parte dei casi esso viene ricaricato a domicilio, attraverso una presa domestica standard e con l’ausilio di un cavo elettrico fornito insieme al veicolo oppure utilizzando un’apposita wallbox.

Quest’ultima, come raccomandato anche dalla maggior parte dei produttori di auto elettriche, sono da preferire soprattutto per ragioni di sicurezza, anche se la maggior parte degli utenti continuano a ricaricare servendosi soltanto del cavo loro fornito.

In questo caso è sempre consigliabile far controllare il proprio impianto elettrico, al fine di scongiurare il rischio di riscaldamento della linea.

Naturalmente, a differenza della wallbox, il cavo di ricarica comporta dei tempi di ricarica più lunghi, in quanto limita volontariamente l’intensità di corrente a massimo 10 ampere, ecco perché è sempre preferibile ricaricare il proprio veicolo elettrico di notte, quando tale differenza sicuramente non si nota.

La wallbox, invece, migliore sistema di ricarica, comporta una spesa decisamente più alta, a cu bisogna aggiungere anche i costi di installazione iniziale.

Il secondo metodo di ricarica, quello utilizzato da un numero nettamente inferiore di possessori di veicoli elettrici, è di tipo pubblico; le note colonnine di ricarica che si trovano nelle città sono quelle che consentono di fermarsi a ricaricare in ogni momento della giornata.

Purtroppo, però, il numero di infrastrutture presenti nei centri urbani è ancora esiguo, causando un certo disagio a chi ha necessità di rifornire la propria auto di energia elettrica.

In genere, i punti di ricarica pubblici si trovano sulle strade, nei parcheggi pubblici o nei pressi dei grandi centri commerciali e sono facilmente localizzabili grazie ad un apposito servizio presente sul web (chargemap.com).

Se si opta per tale servizio di ricarica, è necessario essere in possesso di una specifica carta, anch’essa richiedibile attraverso il sito su menzionato.

Sicuramente ancora tanto c’è da lavorare per creare sempre più punti di ricarica pubblici e limitare al massimo il disagio per gli automobilisti, così come rendere maggiormente efficienti le batterie, migliorando l’autonomia del veicolo stesso.

La diffusione dei veicoli elettrici stenta ancora a decollare anche per questi importanti problemi, a cui nei prossimi anni sicuramente si troverà una soluzione per consentire una circolazione più pulita, attraverso mezzi alimentati a sola energia elettrica (vedi anche veicoli alke), che rispettino e tutelino l’ambiente, ma soprattutto la salute umana.

 

I vantaggi della Coltivazione Organica – Ortoclick

I primi studi sull’agricoltura organica sono iniziati all’alba del 1900 dal botanico sir Albert Howard, dopo aver passato una ventina di anni in India per studiare i vari metodi di coltura dei contadini autoctoni, con il desiderio di trovare metodologie alternative ma altrettanto efficaci di quelle in uso in Europa per la sconfitta delle malattie delle piante.

Quasi subito si rese conto che i metodi tradizionali che in Europa erano stati accantonati come obsoleti avevano invece un importante valore aggiunto oltre a garantire piante più sane permettevano un risparmio in termini economici dato dalla diminuzione appunto delle malattie e quindi da un’ottimizzazione della produttività di verdure organiche. Questo lo porto ben presto all’elaborazione di un approccio differente nell’impostazione del processo di coltivazione. Continue reading “I vantaggi della Coltivazione Organica – Ortoclick” »